DIR. 2019/983: NOVITA’ PER LA PROTEZIONE DAI CANCEROGENI
1404
post-template-default,single,single-post,postid-1404,single-format-standard,bridge-core-2.3.5,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,qode_grid_1200,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-22.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive
 

DIR. 2019/983: NOVITA’ PER LA PROTEZIONE DAI CANCEROGENI

E’ stata pubblicata la nuova direttiva europea 2019/983 che modifica la precedente direttiva 2004/37/CE sulla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un’esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni durante il lavoro.

La normativa ha istituito per questa tipologia di sostanze diversi valori limite di esposizione professionale che “devono essere proporzionati, misurabili e basati sull’evidenza scientifica e dovrebbero essere stabiliti sulla base delle informazioni disponibili, compresi dati scientifici e tecnici aggiornati, la fattibilità economica della loro applicazione e della loro osservanza, una valutazione approfondita dell’impatto socio-economico e la disponibilità di protocolli e tecniche di misurazione dell’esposizione sul luogo di lavoro”.

In relazione al fatto che il cancro è la prima causa di mortalità sul luogo di lavoro nell’Unione europea (secondo alcuni dati nell’Unione europea muoiono ogni ora da sette a dodici persone a causa di un cancro di origine professionale) e in relazione alle nuove informazioni disponibili, in questi anni sono state proposte numerose modifiche alla direttiva 2004/37/CE , fino ad arrivare alla nuova direttiva 2019/130.

La nuova normativa ha aggiunto diverse sostanze all’elenco dei cancerogeni professionali e nuovi valori limite. In particolare con riferimento a:
• Cadmio e suoi composti inorganici;
• Berillio e composti inorganici del berillio;
• Acido arsenico e suoi sali e composti inorganici dell’arsenico;
• Formaldeide;
• 4,4’-metilenbis (2-cloroanilina).

Gli Stati membri dovranno mettere in vigore le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative necessarie per conformarsi alla presente direttiva entro l’11 luglio 2021.