DECRETO SICUREZZA: NUOVE REGOLE PER IL MONITORAGGIO DEI CANTIERI
998
post-template-default,single,single-post,postid-998,single-format-standard,bridge-core-2.3.5,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,qode_grid_1200,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-22.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive
 

DECRETO SICUREZZA: NUOVE REGOLE PER IL MONITORAGGIO DEI CANTIERI

E’ stato pubblicato il D.L. 113/18, detto anche Decreto Sicurezza, recante “Disposizioni urgenti in materia di protezione internazionale e immigrazione, sicurezza pubblica, nonché misure per la funzionalità del Ministero dell’interno e l’organizzazione e il funzionamento dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata”, che prevede un aggiornamento all’ art. 99, comma 1 del D. Lgs. 81/08 il cui testo risulta così modificato:

“1. Il committente o il responsabile dei lavori, prima dell’inizio dei lavori, trasmette all’azienda unità sanitaria locale e alla direzione provinciale del lavoro nonché al prefetto territorialmente competenti la notifica preliminare elaborata conformemente all’allegato XII, nonché gli eventuali aggiornamenti nei seguenti casi:

  1. cantieri in cui è prevista la presenza di più imprese esecutrici, anche non contemporanea (art. 90, comma 3);
  2. cantieri che, inizialmente non soggetti all’obbligo di notifica, ricadono nelle categorie di cui alla lettera a.) per effetto di varianti sopravvenute in corso d’opera;
  3. cantieri in cui opera un’unica impresa la cui entità presunta di lavoro non sia inferiore a duecento uomini-giorno.”

 

La modifica prevede, quindi, nuove regole per il monitoraggio dei cantieri ed in particolare che la notifica preliminare sia inviata dal committente o dal responsabile dei lavori, oltre che all’ASL e alla direzione provinciale del lavoro, anche al prefetto territorialmente competente.