ANTINCENDIO ALBERGHI: PROROGATO A DICEMBRE 2019 L’ADEGUAMENTO NELLE AREE COLPITE DA CALAMITÀ
1221
post-template-default,single,single-post,postid-1221,single-format-standard,bridge-core-2.3.5,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,qode_grid_1200,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-22.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive
 

ANTINCENDIO ALBERGHI: PROROGATO A DICEMBRE 2019 L’ADEGUAMENTO NELLE AREE COLPITE DA CALAMITÀ

Come previsto dalla Legge di Bilancio 2018 le strutture alberghiere con oltre 25 posti letto, esistenti alla data di entrata in vigore del decreto del Ministro dell’interno 9 aprile 1994 ed in possesso dei requisiti per l’ammissione al piano straordinario antincendio (approvato con decreto del Ministro dell’interno 16 marzo 2012), devono adeguare le strutture alle disposizioni di prevenzione incendi entro il 30 giugno 2019, purchè abbiano presentato al Comando provinciale dei Vigili del fuoco la SCIA parziale entro il 1º dicembre 2018, attestante il rispetto di almeno quattro delle seguenti prescrizioni:

• resistenza al fuoco delle strutture;
• reazione al fuoco dei materiali;
• compartimentazioni;
• corridoi;
• scale; ascensori e montacarichi;
• impianti idrici antincendio;
• vie d’uscita ad uso esclusivo, con esclusione dei punti ove è prevista la reazione al fuoco dei materiali;
• vie d’uscita ad uso promiscuo, con esclusione dei punti ove è prevista la reazione al fuoco dei materiali;
• locali adibiti a deposito.

A seguito dell’emanazione della Legge di Bilancio 2019, tale obbligo è stato prorogato al 31 dicembre 2019 unicamente per gli alberghi situati nei territori colpiti da eccezionali eventi meteorologici verificati a partire dal 2 ottobre 2018 e individuati dalla delibera del Consiglio dei Ministri dell’8 novembre.
Sono, quindi, interessate dalla proroga le strutture ricadenti nei territori delle Regioni Calabria, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Toscana, Sardegna, Sicilia, Veneto e delle Province autonome di Trento e Bolzano.

Per poter beneficiare della proroga le strutture interessate dovranno presentare entro il 30 giugno 2019 la SCIA parziale al Comando provinciale dei Vigili del fuoco.