UTILIZZO DEL VIDEOTERMINALE E FORMAZIONE SPECIFICA
1092
post-template-default,single,single-post,postid-1092,single-format-standard,bridge-core-2.3.5,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,qode_grid_1200,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-22.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive
 

UTILIZZO DEL VIDEOTERMINALE E FORMAZIONE SPECIFICA

Il D.Lgs. 81/08 definisce “videoterminale”: uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato, mentre è considerato “videoterminalista” colui che utilizza un’ attrezzatura munita di videoterminali, in modo sistematico o abituale, per almeno venti ore settimanali.

Tutti i lavoratori, ai sensi dell’articolo 37 del medesimo Decreto, devono ricevere a cura del proprio datore di lavoro una formazione sufficiente e adeguata in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro in funzione dei rischi specifici riferiti alle mansioni e ai possibili danni e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione.

La formazione specifica sui videoterminali è obbligatoria per i lavoratori che utilizzano attrezzature munite di videoterminali per almeno 20 ore settimanali come indicato dall’art. 172 e seguenti e deve riguardare in particolare le misure applicabili al posto di lavoro, le modalità di svolgimento dell’attività e la protezione degli occhi e della vista.

Ricordiamo che la formazione specifica viene svolta in aggiunta alla formazione generale, della durata non inferiore a 4 ore, dedicata alla presentazione dei concetti generali in tema di prevenzione e sicurezza sul lavoro, ed ha una durata di:

• 4 ore per le aziende a basso rischio;
• 8 ore per le aziende a medio rischio;
• 12 ore per le aziende ad alto rischio.