SPETTACOLI E FORMAZIONE
1462
post-template-default,single,single-post,postid-1462,single-format-standard,bridge-core-2.3.5,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,qode_grid_1200,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-22.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive
 

SPETTACOLI E FORMAZIONE

I tanti infortuni mortali che sono avvenuti in Italia nelle attività di montaggio, smontaggio, allestimento e utilizzo di palchi per spettacoli hanno portato all’elaborazione del Decreto interministeriale sulla sicurezza dei palchi e degli allestimenti fieristici del 22 luglio 2014, un decreto che ha esteso al comparto dell’organizzazione dei grandi eventi di spettacolo le disposizioni in materia di prevenzione previste dal titolo IV del D.Lgs. 81/2008 per i cantieri temporanei e mobili.

Il decreto contiene le misure per la tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori adibiti alle attività di montaggio e smontaggio di opere temporanee, compreso il loro allestimento e disallestimento con impianti audio, luci e scenotecnici, realizzate per spettacoli musicali, cinematografici e teatrali, nonché alle attività di approntamento e smantellamento di strutture allestitive, tendostrutture o opere temporanee per manifestazioni fieristiche, evidenziando la necessità che tutte le diverse tipologie di lavoratori impegnati in questo settore ricevano a cura del datore di lavoro una eventuale ulteriore formazione, informazione e addestramento adeguati e specifici, tali da consentire lo svolgimento di dette attività in modo idoneo e sicuro.

Per fornire indicazioni concernenti la formazione e l’addestramento di due figure professionali del settore è stato recentemente pubblicato il documento Inail “Formazione e addestramento per la salute e sicurezza di scaffolder e rigger nel settore degli spettacoli e dell’intrattenimento. Indicazioni operative”.

Con il termine scaffolder si intende l’operatore che lavora, sia in quota che a terra, ed è specializzato nel montaggio delle opere temporanee atte a sostenere gli allestimenti scenotecnici dello spettacolo e si occupa di tutte le attività ad esse collegate: come ad esempio lo scarico dai mezzi di trasporto, il posizionamento dei materiali sul terreno secondo un criterio funzionale alle successive attività, il montaggio, lo smontaggio e il ricarico.

Il Rigger, invece, è l’operatore che lavora, sia in quota che a terra, specializzato nella predisposizione e nel posizionamento in quota dei sistemi di sospensione e degli allestimenti scenotecnici utilizzati per sostenere attrezzature scenotecniche (es. paranchi, argani), strutture di ausilio (es. truss americana) e materiale scenografico (es. fondali, tendaggi).

Entrambe le figure devono frequentare specifici corsi di abilitazione alla professione e ricevere idonea formazione per l’attività di montaggio e smontaggio di componenti metallici prefabbricati e/o per le attività che prevedono l’utilizzo di funi. Nel caso in cui l’operatore debba utilizzare carrelli elevatori, P.L.E., apparecchi di sollevamento e/o altre tipologie di mezzi deve essere in possesso della specifica formazione, informazione e addestramento.