SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO: LA VERIFICA PERIODICA DELLA MESSA A TERRA
1457
post-template-default,single,single-post,postid-1457,single-format-standard,bridge-core-2.3.5,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,qode_grid_1200,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-22.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive
 

SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO: LA VERIFICA PERIODICA DELLA MESSA A TERRA

Tra gli aspetti riguardanti la sicurezza negli ambienti di lavoro, negli edifici, nei luoghi dove sono presenti persone, lavoratori, utenti, rientra quello della verifica degli impianti di messa a terra, vigilanza sull’efficacia e sul funzionamento dei dispositivi elettrici e dell’impianto di sicurezza.

La normativa di riferimento parte dal Decreto 22 ottobre 2001, n. 462 Regolamento di semplificazione del procedimento per la denuncia di installazioni e dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche, di dispositivi di messa a terra di impianti elettrici e di impianti elettrici pericolosi.

Le verifiche degli impianti dopo la prima installazione sono calendarizzate e saranno ripetute. La norma prevede controlli ogni due anni per cantieri edili studi medici e luoghi a rischio incendio; cinque anni per gli impianti presenti nei restanti ambienti. Vengono quindi previste verifiche straordinarie in caso di modifiche all’impianto, in caso di richiesta avanzata dal datore di lavoro, o qualora la verifica periodica sia stata negativa.

In caso di inadempienza sono previste sanzioni, pecuniarie da 750 a 2.500 euro. In caso di mancata manutenzione i 2.000 e i 10.000 euro.

Le verifiche andranno effettuate sempre da organismi abilitati.

Securitas è in grado di fornirti tutta l’assistenza necessaria allo svolgimento delle verifiche.Per ulteriori info contattaci allo 0585/859483.