SERVIZI TELEMATICI DI CERTIFICAZIONE E VERIFICA INAIL: RILASCIO DELL’APPLICATIVO CIVA
1332
post-template-default,single,single-post,postid-1332,single-format-standard,bridge-core-2.3.5,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-22.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive
 

SERVIZI TELEMATICI DI CERTIFICAZIONE E VERIFICA INAIL: RILASCIO DELL’APPLICATIVO CIVA

Con la circolare n. 12 del 13 maggio 2019, a decorrere dal 27 maggio 2019, l’Inail mette a disposizione dell’utenza l’applicativo Civa per la gestione informatizzata dei seguenti servizi di certificazione e verifica:

  • denuncia di impianti di messa a terra
  • denuncia di impianti di protezione da scariche atmosferiche
  • messa in servizio e immatricolazione delle attrezzature di sollevamento
  • riconoscimento di idoneità dei ponti sollevatori per autoveicoli
  • prestazioni su attrezzature di sollevamento non marcate CE
  • messa in servizio e immatricolazione degli ascensori e dei montacarichi da cantiere
  • messa in servizio e immatricolazione di apparecchi a pressione singoli e degli insiemi
  • approvazione del progetto e verifica primo impianto di riscaldamento
  • prime verifiche periodiche.

Pertanto, a partire dal 27 maggio 2019, suddetti servizi dovranno essere richiesti esclusivamente utilizzando il servizio telematico Civa.

Gli ulteriori servizi di certificazione e verifica appartenenti al gruppo GVR – per esempio messa in servizio cumulative di attrezzature a pressione, riparazione, taratura valvola – dovranno essere richiesti utilizzando la modulistica presente sul portale con invio tramite posta elettronica certificata (Pec) poiché CIVA consente lo scambio in tempo reale di informazioni tra l’utente richiedente il servizio e il personale dell’Unità operativa territoriale Inail di competenza.

Con l’avvio del servizio telematico CIVA, cambiano anche le procedure di pagamento delle prestazioni richieste. Il sistema “PagoPa” mette infatti a disposizione diversi canali, come home banking e PayPal, e consente l’abbinamento immediato della somma pagata con il servizio erogato. Grazie a un’apposita funzione presente sull’applicativo, sarà comunque possibile inserire un pagamento già effettuato attraverso i canali tradizionali durante il periodo di passaggio al nuovo sistema.

Per accedere al servizio on line è necessario essere registrati al portale Inail e accedere utilizzando uno dei profili a disposizione, ai quali è stato aggiunto quello di “consulente per le attrezzature e impianti”.

Ricordiamo che con questa circolare l’istituto ha modificato unicamente le modalità di denuncia di inizio attività oppure di messa in servizio per nuovi impianti/macchinari mentre non obbliga a nessun adempimento normativo per gli impianti/macchinari già in uso.