PIANO NAZIONALE CONTROLLO SALMONELLOSI 2019/21
1389
post-template-default,single,single-post,postid-1389,single-format-standard,bridge-core-2.3.5,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-22.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive
 

PIANO NAZIONALE CONTROLLO SALMONELLOSI 2019/21

Il ministero della Salute ha reso pubblico il nuovo Piano nazionale di controllo delle salmonellosi negli avicoli (PNCS) valido per gli anni 2019-21.

Il documento contiene le specifiche tecniche per i controlli da effettuare entro il 31 dicembre di ogni anno, oltre alle misure sanitarie da applicare in caso di riscontro di sierotipi di salmonelle rilevanti.

Il piano nazionale riguarda tutti gli allevatori di avicoli e riproduttori di galline ovaiole, polli da carne, tacchini presso cui i veterinari dell’ASL stanno compiendo sopralluoghi per verificare il rispetto degli adempimenti obbligatori.

Gli allevatori devono:
• presentare dichiarazione per la vendita diretta al SUAP del proprio comune;
• presentare comunicazione al SUAP per la macellazione aziendale e elaborare piano di autocontrollo specifico;
• sottostare a controlli periodici;
• effettuare periodici campionamenti delle feci;
• redigere ed attenersi ad un Piano di Autocontrollo Aziendale semplificato;
• tracciare tutti i movimenti in entrata ed in uscita dei capi allevati tramite registro telematico;
• installare un congelatore per i capi deceduti in azienda.

Ai gruppi risultati positivi per il sierotipo salmonella sono applicate le seguenti misure sanitarie:

• macellazione o abbattimento degli animali;
• pulizia e disinfezione degli ambienti, seguita da test di verifica dell’efficacia dei trattamenti;
• indagine epidemiologica;
• revoca della qualifica sanitaria dell’allevamento.

In alternativa, i gruppi positivi possono essere destinati direttamente al trattamento termico.

I suddetti adempimenti sono obbligatori per aziende che hanno fino a 250 capi allevati, con particolari agevolazioni per chi ne alleva fino a 50.

Ne sono esentati gli allevamenti familiari in cui non vi è alcuna movimentazione di animali verso altri allevamenti, nè commercializzazione di uova o di animali verso terzi.