LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: VIE DI ESODO ED USCITE D’EMERGENZA
1194
post-template-default,single,single-post,postid-1194,single-format-standard,bridge-core-2.3.5,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,qode_grid_1200,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-22.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive
 

LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO: VIE DI ESODO ED USCITE D’EMERGENZA

I tanti incidenti professionali che avvengono nei percorsi con movimentazione promiscua di mezzi e pedoni hanno spesso conseguenze gravi o mortali per i lavoratori.
I principali fattori causali di questi infortuni è la presenza di segnaletiche inadeguate, non sufficientemente visibili, coperte di polvere o usurate dal continuo passaggio dei mezzi e una viabilità non correttamente definita.

La presenza di chiare indicazioni risulta indispensabile non solo per evitare infortuni ma anche per fornire informazioni necessarie in caso di emergenza quali la direzione delle vie di esodo ed uscite di emergenza, la collocazione di presidi quali cassetta di primo soccorso ed estintori, la sede del punto di raccolta.

Le vie di esodo consistono in un insieme di vie di uscita disposte per garantire alle persone presenti l’abbandono in sicurezza del posto di lavoro le cui caratteristiche minime, unitamente a quelle delle uscite di emergenza sono riportate nell’Allegato IV del D. Lgs. 81/2008.

Le vie di esodo e le annesse uscite d’emergenza devono essere:
• tenute costantemente sgombre per consentire di raggiungere il più rapidamente possibile un luogo sicuro;
• in numero e dimensioni adeguate all’estensione del luogo di lavoro, alla loro ubicazione, alla loro destinazione d’uso ed alle attrezzature installate, nonché al numero massimo delle persone che possono essere presenti in tali luoghi;
• realizzate in modo che l’altezza minima non sia inferiore a 2,00 m e la larghezza minima sia conforme alla normativa vigente in materia antincendi;
• evidenziate da apposita segnaletica, conforme alle norme vigenti;
• munite di opportuna illuminazione di emergenza, che entri in funzione automaticamente, in mancanza di alimentazione elettrica.

Inoltre, quando nel percorso delle vie e delle uscite di emergenza sono presenti delle porte, queste devono essere apribili nel verso dell’esodo; e nel caso in cui tali porte debbano essere tenute chiuse, devono comunque potersi aprire facilmente.