IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS)
961
post-template-default,single,single-post,postid-961,single-format-standard,bridge-core-2.3.5,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-22.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive
 

IL PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA (POS)

Il piano operativo di sicurezza (POS) è un documento che deve essere redatto, ai sensi dell’articolo 17 D.Lgs. 81/08, dal datore di lavoro dell’impresa esecutrice prima dell’inizio dei lavori all’interno di un cantiere.

 

Obiettivo del POS è quello di individuare le migliori contromisure da adottare nelle attività di cantiere al fine di permettere ai lavoratori di operare in sicurezza.

Secondo quanto indicato nell’All. XV del Testo Unico, esso deve contenere almeno i seguenti elementi:

a) Dati identificativi dell’impresa esecutrice;
a) Specifiche mansioni, inerenti la sicurezza, svolte in cantiere da ogni figura;
b) Descrizione dell’attività di cantiere, delle modalità organizzative e dei turni di lavoro;
c) Elenco dei ponteggi e di altre opere provvisionali, delle macchine e degli impianti utilizzati;
d) Elenco delle sostanze e miscele pericolose utilizzate con le relative schede di sicurezza;
e) Esito della valutazione del rischio rumore;
f) Individuazione delle misure preventive e protettive adottate in relazione ai rischi connessi alle proprie lavorazioni;
g) Elenco dei dispositivi di protezione individuale forniti ai lavoratori;
h) Documentazione in merito all’informazione ed alla formazione dei lavoratori.