ALLERTA LEGIONELLA A BRESSO (MI): SALE IL NUMERO DI CASI.
978
post-template-default,single,single-post,postid-978,single-format-standard,bridge-core-2.3.5,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-22.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive
 

ALLERTA LEGIONELLA A BRESSO (MI): SALE IL NUMERO DI CASI.

Si aggrava il bilancio dell’emergenza legionella a Bresso (MI): secondo quanto comunicato in una nota dall’Ats Città Metropolitana di Milano è salito a 46 il numero delle persone contagiate; per tre di queste, tutti anziani residenti nella frazione milanese, le complicanze insorte dopo aver contratto il batterio sono risultate mortali. (Fonte: ANSA.it)

La legionellosi è un’infezione causata dai batteri del genere Legionella i cui sintomi variano da malesseri simil-influenzali a, nei casi più gravi, polmoniti.

La contaminazione avviene per l’uomo mediante l’inalazione di micro particelle d’acqua in cui è inglobato il batterio.
Le strutture turistico-ricettive, come gli alberghi o le piscine, sono fra i luoghi a maggior rischio di esposizione, per questo motivo è molto importante attuare misure preventive adeguate:

• Effettuare un analisi del rischio: è necessario che le strutture la svolgano periodicamente;
• Nomina di un Responsabile: esperto nelle misure di prevenzione e controllo dei problemi connessi alla legionellosi;
• Ispezione della struttura: per individuare i punti critici dello schema dell’impianto;
• Istituzione di un Registro degli Interventi: approvati e firmati dal responsabile.

In ambito domestico, citando quanto indicato dall’Ats Milano, si consiglia di:

• Mantenere sempre puliti e privi di incrostazioni i soffioni delle docce, i rompigetto dei rubinetti e i serbatoi di accumulo dell’acqua calda (boiler) o procedere alla loro sostituzione se usurati;
• Fare scorrere l’acqua (sia calda che fredda) per almeno 5 minuti dai rubinetti e dalle docce quando non vengono utilizzati spesso e se il soggetto soffre di malattie che deprimono il sistema immunitario;
• Mantenere l’acqua fredda a temperatura inferiore ai 20°C ed acqua calda a temperature superiori ai 50°C;
• Lavare con acqua sterile e asciugare accuratamente gli apparecchi per aerosolterapia dopo ogni utilizzo;
• Evitare di lasciare esposte al sole e piene di acqua le canne utilizzate per il giardinaggio, così come la raccolta di acqua piovana;
• In caso di nuove costruzioni o ristrutturazioni, evitare la realizzazione di reti idriche con tubature ove l’acqua possa ristagnare facilmente.