PERICOLI LEGATI AGLI ALIMENTI: L’ANISAKIS
2499
post-template-default,single,single-post,postid-2499,single-format-standard,bridge-core-2.3.5,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,no_animation_on_touch,qode_grid_1200,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-22.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive
 

PERICOLI LEGATI AGLI ALIMENTI: L’ANISAKIS

PERICOLI LEGATI AGLI ALIMENTI: L’ANISAKIS

ANISAKIASI O ANISAKIDIOSI

L’Anisakis è un parassita che può infettare l’uomo risalendo la catena alimentare. Le larve si trovano abitualmente nell’acqua di mare, dove vengono ingerite da piccoli crostacei, a loro volta preda di pesci che possono finire sulle nostre tavole.

La globalizzazione ha portato alla diffusione, anche nel nostro paese, del consumo di sushi, pesce crudo e similari aumentando perciò il rischio di contaminazione.

Per evitare incidenti il pesce destinato ad essere consumato crudo, marinato, salato o trattato in maniera tale da non garantire l’uccisione del parassita deve essere sottoposto a ispezioni visive e ad abbattimento ad una temperatura fino a -20°C per almeno 24 ore o a -35°C per 15 ore in modo da neutralizzare le larve.

Presso i punti vendita deve essere, inoltre, esposta idonea indicazione in merito alle procedure di abbattimento e consumo del prodotto.

Diversi studi hanno dimostrato come anche la salagione, per periodi prolungati possa rivelarsi efficace ma solo se effettuato rispettando determinati parametri (concentrazioni di 8-9% di sale per almeno 6 settimane).

Il metodo più efficace per neutralizzare il parassita resta comunque la normale cottura purchè sia raggiunta una temperatura di almeno 60°C al cuore del prodotto per un minuto di tempo.

Per ulteriori informazioni contattaci:

0585859483

info@securitas-ms.it