Lavorazioni del legno | Sicurezza Formazione ed Igiene nei luoghi di lavoro - Massa Carrara (Ms)
808
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-808,bridge-core-2.3.5,cookies-not-set,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-22.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive
 

Lavorazioni del legno

Descrizione dell’attività

Le falegnamerie sono ambienti di lavoro che espongono i lavoratori a rischi derivanti da macchine e attrezzature, rumore, rischio chimico.

Uno dei principali rischi che col tempo può portare alla manifestazione di malattie professionali è la produzione di polveri, in particolare quelle di legno duro.

Principali rischi

PRINCIPALI RISCHI MISURE DI PREVENZIONE E PROTEZIONE
RUMORE: nelle falegnamerie questo rischio deriva dall’utilizzo di  attrezzature legate alle varie lavorazioni come: macchinari da taglio, carteggiatrici,  pialle, toupiee. Le attività devono essere svolte in modo da ridurre al minimo l’esposizione al rumore degli addetti e delle zone circostanti. Per le macchine ed attrezzature di lavoro la scelta deve ricadere su strumenti che emettono il minor rumore possibile. I lavoratori devono utilizzare i dispositivi di protezione individuale come tappi/inserti auricolari o cuffie.

E’ fondamentale gestire al meglio la turnazione e la durata dell’esposizione.

POLVERI: in falegnameria i lavoratori sono esposti a rischio di inalazione polveri derivanti dall’attività di taglio, carteggiatura e levigatura del legno. L’esposizione col tempo può causare malattie professionali. I locali e le attrezzature devono essere dotati di adeguati sistemi di aspirazione localizzata.

I residui di lavorazione devono essere raccolti e convogliati in apposite aree di stoccaggio.

RISCHIO CHIMICO: Possono essere presenti sostanze chimiche quali: colle, vernici, catalizzatori, stucchi o altre sostanze necessarie alle lavorazioni. Devono essere predisposti sistemi di aspirazione e ventilazione adeguati.

Occorre ridurre al minimo l’utilizzo delle sostanze chimiche e sostituire ciò che è pericoloso con ciò che è meno pericoloso.

Deve essere valutata l’esposizione dei lavoratori e devono essere definite le modalità e procedure di utilizzo e stoccaggio delle sostanze e dei loro derivati.

Le schede di sicurezza di devono essere sempre aggiornate, tenute a disposizione dei lavoratori e bisogna rispettare sempre le indicazioni contenute.

 

TAGLI, CONTUSIONI E ABRASIONI: nelle falegnamerie si movimentano parti di attrezzature taglienti quali lame, dischi da taglio o altri utensili manuali e si utilizzano attrezzature da taglio. I lavoratori devono indossare i corretti dispositivi di protezione antitaglio.Occorre utilizzare macchinari e le attrezzature sulla base dei libretti d’uso e manutenzione. Ogni attrezzatura deve riportare idonea marcatura CE o essere conforme alla normativa di sicurezza. E’ vietato lavorare con l’attrezzatura sprovvista di dispositivi di sicurezza e/o di ripari o di rimuovere gli stessi. Ogni macchinario deve essere munito di dispositivi di protezione per la sicurezza del lavoratore.
INCENDIO: nelle falegnamerie esiste la contemporanea presenza di inneschi, combustibili e comburenti che possono dar luogo a incendi. Si devono fare periodicamente controlli e manutenzioni dei sistemi e delle attrezzature antincendio. Deve essere predisposto un idoneo piano di emergenza e devono essere nominati e formati addetti all’antincendio..