Securitas - Il Cantiere
2892
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-2892,bridge-core-2.3.5,qode-quick-links-1.0,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,footer_responsive_adv,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-22.1,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.2.0,vc_responsive
 

Il Cantiere

I cantieri sono considerati tra i luoghi di lavoro più pericolosi, all’interno dei quali ogni anno si verificano numerosi infortuni, talvolta mortali. Queste realtà sono caratterizzate da una grande varietà e complessità di lavorazioni (e di conseguenza di rischi) che comportano spesso la presenza di lavoratori provenienti da diverse imprese. Strumento efficace per contrastare il verificarsi di questi eventi è un’attenta pianificazione del lavoro, basata su chiare e precise misure di coordinamento tra i vari addetti presenti in cantiere.

 

I nostri servizi:

 

  • Redazione P.S.C (Piano di sicurezza e coordinamento)

Il P.S.C. è il documento finalizzato a individuare, analizzare e valutare i rischi propri di un cantiere, considerando all’area in cui esso si colloca e le attività specifiche previste. Il documento deve essere redatto da un’apposita figura, il Coordinatore in fase di Progettazione (C.S.P), nel caso in cui le lavorazioni siano svolte da più imprese; ciò infatti comporta un cospicuo aumento dei rischi presenti, i quali potranno essere contrastati mediante la definizione di prescrizioni operative e misure di coordinamento relative all’uso comune di apprestamenti, attrezzature, infrastrutture, mezzi e servizi di protezione collettiva.

 

  • Redazione P.O.S (Piano operativo della sicurezza)

Il P.O.S. è un documento redatto da ciascuna impresa esecutrice, cioè chi esegue le lavorazioni all’interno di un cantiere, prima dell’inizio delle lavorazioni stesse. Al suo interno sono contenute informazioni sulle fasi lavorative con i relativi rischi, sulle attrezzature e apprestamenti utilizzati e le misure di prevenzione e protezione da adottare. Nel caso di attività in appalto, una volta predisposto, il documento viene inviato all’impresa affidataria, titolare del contratto di appalto, la quale verificherà la conformità del P.O.S. con il proprio, prima di trasmetterlo al Coordinatore della Sicurezza in fase di Progettazione (C.S.P.).

 

  • Redazione PI.M.U.S (Piano di montaggio, uso e smontaggio dei Ponteggi)

Il PI.M.U.S. è un documento operativo che riporta le procedure, in ordine cronologico e in modo chiaro e dettagliato, per il montaggio, l’uso, lo smontaggio ed eventualmente la trasformazione del ponteggio previsto per un determinato cantiere. Tali procedure sono corredate di schemi esecutivi per favorire tutte le operazioni in condizioni assoluta sicurezza e forniscono indicazioni anche in merito al recupero dell’operatore in caso di caduta accidentale dal ponteggio. È uno strumento che si affianca ai piani già presenti in cantiere (P.O.S. e P.S.C. se previsto) e come tale deve essere sempre a disposizione degli addetti ai lavori.

 

  • Qualifica delle ditte in appalto

I requisiti specifici che un’impresa appaltatrice deve possedere, e di conseguenza i documenti da produrre, sono molteplici: il certificato di iscrizione alla CCIA, l’autocertificazione del possesso dei requisiti di idoneità tecnico-professionale, la posizione INPS e INAIL, i documenti sulla regolarità contributiva dell’azienda, le idoneità sanitarie e i corsi svolti dai lavoratori, gli estremi dell’assicurazione RCT e RCO, la documentazione relativa ai rischi introdotti in cantiere. Conoscere e gestire adeguatamente tali requisiti è fondamentale per non farsi trovare impreparati di fronte ad una richiesta e magari, essere scartati perché non idonei.

 

  • Coordinamento con le figure di cantiere

La varietà e la complessità delle lavorazioni che si svolgono nei cantieri si traducono spesso in un’altrettanta copiosità di figure professionali (coordinatori della sicurezza, direttori dei lavori, progettisti, capicantiere, per citarne alcuni), ciascuno con le proprie esperienze lavorative e culturali. In tal senso, al fine di raggiungere l’obiettivo comune, ossia la realizzazione in sicurezza, senza che si verifichino incidenti/infortuni in cantiere, e a regola d’arte dell’opera commissionata, sono fondamentali il continuo coordinamento e la comunicazione tra tutti i soggetti coinvolti.

 

  • Gestione modulistica di cantiere

La gestione del cantiere costituisce un’attività estremamente complessa fatta di numerosi documenti da mantenere in costante aggiornamento nel rispetto della normativa vigente. Solitamente questi documenti riguardano ad esempio: incarichi professionali conferiti alle figure specifiche, i requisiti per la qualificazione delle imprese, la trasmissione dei documenti a tutti i soggetti coinvolti, la designazione di lavoratori per la gestione delle emergenze, la documentazione integrativa che può essere richiesta a seguito di sopralluoghi condotti da organi compenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro e regolarità contributiva.

 

  • Sopralluoghi per verifica della conformità del cantiere

Per una corretta gestione del cantiere, oltre alla produzione di documentazione vista nei punti precedenti, è consigliabile lo svolgimento di periodici sopralluoghi da parte di figure competenti, che supportino le imprese nell’individuazione di soluzioni tecniche e organizzative. Durante le visite in loco è possibile individuare eventuali irregolarità o mancanze rispetto a quanto richiesto dalla normativa vigente e di conseguenza proporre soluzioni efficaci per risolvere le non conformità riscontrare, prevenendo così il verificarsi di possibili incidenti/infortuni e sanzioni.

Contattaci

chiamaci ora: 0585 859483

Lascia il tuo numero ti richiameremo al più presto.

    Contattaci per una consulenza gratuita